logo-SILVI

Italiano per Stranieri

EUROPA                       REGIONE ABRUZZO                          MINISTEROINTERNO

logo_sei

 

Fondo Europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi

Progetto SEI – Scuola di Educazione Civica e Italiano

CTP EdA n°3 Silvi (Te)

A.S. 2014/2015

 

Numeri di cittadini dei Paesi terzi che hanno beneficiato dell’intervento 26 (n°17 – A1/n°9 – A2)
Numero di ore di formazione erogate a cittadini di Paesi terzi 20020 h Accoglienza

100 h A1

80 h A2

Numeri di cittadini dei Paesi terzi formati livello A1: n° 11livello A2: n°7
Docente fase Accoglienza Giorgia Blasiotti
Tutor fase accoglienza Lucrezia Di Berardo e Mariateresa Rosa
Docente Livello A1 Lucrezia Di Berardo
Tutor Livello A1 Antonello Ammannati e Francesco Finiguerra
Docente Livello A2 Mariateresa Rosa
Tutor Livello A2 Giorgia Blasiotti e Francesco Finiguerra

 

 

Accoglienza
Destinatari: persone straniere domiciliate nel territorio italiano
Finalità: rilevazione competenze linguistiche/culturali pregresse e delle risorse e motivazioni personali per l’esplicitazione dei bisogni formativi e l’assegnazione al gruppo di livello di italiano L2
Modalità: colloquio, somministrazione scheda personale, test d’ingresso, questionario anonimo

 

 

 

 

 

 

Percorsi Livello A1 e Livello A2
DestinatariPersone straniere domiciliate nel territorio italiano
Finalità·        Implementare la qualità delle competenze sociali e civiche degli stranieri sviluppando il senso di appartenenza alla propria nuova comunità.

  • Valorizzare la promozione della persona potenziando l’instaurarsi di relazioni collaborative con il territorio di insistenza
  • Promuovere l’inserimento dello straniero nel contesto storico-ambientale locale supportandolo nella fattiva costruzione di relazioni significative attraverso la conoscenza degli elementi valoriali essenziali della cultura costituzionale e dell’ordinamento giuridico italiano, nonché dei diritti di cittadinanza dell’immigrato potenziandone le capacità di autotutela
  • Rinforzare il livello motivazionale e di autostima dello straniero attraverso la maturazione di competenze sociolinguistiche pragmatiche che facciano emergere progressivamente una sempre più consapevole coscienza di sé e delle proprie potenzialità, per riorganizzare il patrimonio linguistico-culturale di partenza ed integrare le nuove acquisizioni, con metodo, in un sistema autonomo, significativo e stabile.
Competenze in uscita·        Padronanza   gestionale delle proprie esigenze di vita nel contesto sociale di nuova appartenenza

·        Competenza di interazione con il territorio per la soddisfazione delle proprie esigenze personali e lavorative

·        Competenze teorico-pratiche relativamente all’Ordinamento giuridico italiano

·        Capacità di valutare e selezionare i comportamenti da adottare per una concreta cittadinanza agita

·        Consolidamento della padronanza linguistico – concettuale e funzionale delle tecniche di produzione scritta e orale nel quadro dei contesti comunicativi d’uso dei principali domini linguistici che supporterà l’espressione del sé ed agevolerà la veicolazione delle abilità acquisite

Tempi di realizzazione           Novembre 2014/Aprile 2015
ContenutiI moduli di studio si sono strutturati su nuclei tematici, nell’ottica della costruzione di una cittadinanza agita e partecipata, riferibili alle aree dell’educazione alla cittadinanza democratica, alla convivenza civile ed alla socialità, alla gestione dei conflitti, alla cultura delle differenze e del dialogo per le pari opportunità, alla territorialità, nonché a tutte le espressioni di valori che appartengono al patrimonio tradizionale italiano ed agli aspetti di novità introdotti dai bisogni formativi tipici del nostro tempo e della nostra società, come, ad esempio, la normativa vigente afferente al “mondo migrante”.

Lo studio dei domini linguistici famiglia, casa, lavoro, salute, trasporti, economia, tempo libero, intesi come contesti situazionali comunicativi d’uso, ha permesso di ricreare in classe situazioni routinarie di naturalità comunicativa la cui padronanza è stata immediatamente spendibile e gratificante nella vita personale e sociale fornendo pragmaticamente competenze discorsive e comunicative di base che rispondessero alle prioritarie motivazioni strumentali e integrative dell’apprendimento della L2 in età adulta.

L’approccio alla testualità è stato attivato gradualmente partendo da testi-risorsa, ad alta comprensibilità afferenti alle tematiche di fondo dei domini linguistici ed al mondo affettivo e valoriale; contestualmente si sono proposte attività didattiche riferite alle problematiche della testualità orale ponendo massima attenzione agli aspetti figurati, denotativi e referenziali del parlato, ai tratti coesivi marcatori della continuità ed a quelli batonici che sottolineano, enfatizzano etc. la comunicazione.

MetodologiaLa lezione frontale ha offerto il quadro contenutistico-concettuale di partenza, in riferimento ai nuclei valoriali ed ideologici fondanti il patrimonio linguistico-culturale di nuova appartenenza, dando la dimensione del tragitto conoscitivo da percorrere e fornendo le idee guida dell’unità di studio oggetto di trattazione.

  • Circle time
  • Brainstorming.
  • Role playing.
  • Problem solving.
  • Cooperative learning.
  • Ricerca azione
  • Interventi individualizzati, tutoring e peer education.
  • “Parole piene” e ”ridondanza significativa” per la stimolazione del meccanismo ciclico-ricorsivo delle competenze
Strumenti didattici

  • Materiali autentici
  • Materiali strutturati
  • Testi semplificati-ad alta leggibilità e da ascolto
  • Glossari-repertori lessicali tipologici
  • Mappe concettuali
  • Libri di testo e pubblicazioni specifiche sui domini oggetto di studio.
  • Schede tipologiche di verifica delle comprensione, anche con correttore per l’autovalutazione: vero/falso, completamento, corrispondenza, sostituzione, scelta multipla, realia quali lavori con le immagini
Modalità di monitoraggio, di valutazione e documentazione del processo e dei risultatiIl processo di monitoraggio è stato posto in essere attraverso la somministrazione di questionari in itinere finalizzati al monitoraggio del percorso e degli obiettivi in fieri.

Il processo di valutazione è avvenuto attraverso l’utilizzo di prove oggettive strutturate sommative per verificare l’apprendimento delle conoscenze e delle abilità e la produzione di compiti unitari in situazione per la verifica delle competenze acquisite, quali ad esempio la simulazione di compiti da eseguire fuori dal contesto di apprendimento relativamente alle conoscenze apprese.

La documentazione potrà consistere in materiali didattici e prodotti degli studenti.

 

PROGETTO_SEI_2014_15

 

 

 

 
Cerca la tua scuola
Iscrizioni
Noipa
Invalsi
Indire
Handi
Living Schools
New LRE
Creative Classrooms
Erasmus+
Twinning
Indire Eventi
OER Commons
Repubblica Scuola
La Stampa
Rai Scuola
Rai Educational
DOL
Programma il Futuro
Risorse Studenti
Risorse Docenti Pon
Piano Nazionale Scuola Digitale